Sono morti invano? Dipende da noi

Molto spesso, quando parliamo della strage di Capaci, ci dimentichiamo che da quel cratere sull’autostrada A29 è iniziato un percorso di memoria che ha coinvolto sempre più voci nel corso degli anni.

Nel 1992 la mafia ha voluto attaccare lo stato nella sua interezza, chiudendo bocche ma non idee.

La tempistica delle stragi risulta infatti fondamentale: era necessario ostacolare la ‘trattativa’ tra gli uomini delle istituzioni e quelli di Cosa Nostra.

L’obiettivo era dare un segnale di forza, di supremazia del potere mafioso su quello statale. La contezza del potere che esercitava uno “Stato parallelo’’  si affiancava ad una nuova visione: la consapevolezza che quello “Stato” potesse essere smantellato. Tantissime vite erano state sacrificate. Era necessario trovare un sistema alternativo che fronteggiasse il fenomeno mafioso.

Dopo ventotto anni dalla strage, le parole per raccontare quello che un evento di tale portata abbia comportato potrebbero essere superflue. Non altrettanto superflua, però, dovrebbe essere la memoria quotidiana del sacrificio di vite umane, attraverso il costante impegno delle istituzioni nella lotta alla criminalità organizzata.

Ad oggi, ci troviamo in una situazione emergenziale che ha richiesto sforzi incommensurabili in tutti i campi, portando alla luce non poche difficoltà ed errori. Primo fra tutti, la vicenda relativa alla concessione di misure alternative alla detenzione intra moenia per garantire al detenuto una più sicura espiazione della pena, nel rispetto delle misure sanitarie di contrasto al Covid-19.

Appare superfluo sottolineare come la questione possa essere particolarmente delicata.

Da un lato l’opinione pubblica, che appare in fermento. Dall’altro una disposizione forse non troppo chiara, accompagnata da una negligenza del DAP, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, che ha reso il tutto ancora più discutibile.

Non mi dilungo sulla vicenda, poiché il raffronto con le disposizioni normative sarebbe estremamente necessario, anche per dimostrare come effettivamente, in particolari condizioni di salute, la normativa vigente prevede già la possibilità di beneficiare di tali misure.

La questione è ovviamente un’ altra.

 Quanto e fino a che punto possiamo permettere che l’emergenza sanitaria crei un precedente sulla fruibilità di tali benefici penitenziari?

 Quanto e fino a che punto deve estendersi il bilanciamento tra diritti costituzionalmente rilevanti : giustizia o salute?

Quanto e fino a che punto possiamo permetterci che detenuti al 41-bis possano usufruire di benefici penitenziari a dispetto della condanna a loro carico per taluno dei delitti che hanno reso necessario un regime penitenziario “duro’’ ?

Ricordiamo che l’art 41-bis è stato introdotto all’indomani delle stragi di Capaci e via d’Amelio.

Si palesava la necessità di introdurre un regime più severo, sebbene poco garantista dei diritti del detenuto, nei confronti di chi si fosse macchiato di reati connessi alla criminalità organizzata(e non solo).

Era una risposta di giustizia alla memoria di  Uomini e Donne che hanno dato la loro vita per questa battaglia.

Ad oggi la risposta che diamo qual è?