DIARIO DEL VOLONTARIO: 2° SETTIMANA

Caro diario,

oggi ci ritroviamo per raccontarti della seconda settimana dell’attività di volontariato del gruppo ATRIPALDA SOLIDALE  presso la Protezione Civile.

La scorsa settimana abbiamo parlato di “rodaggio”; ora si è passati all’azione. Diverse sono state le chiamate da parte dei nostri concittadini, tutte evase in maniera celere. I volontari hanno consegnato i prodotti richiesti, sempre nel rispetto delle disposizioni di sicurezza previste.

Ma l’impegno non si è fermato qui: già nei giorni scorsi era stata attivata la “spesa solidale”, per essere di vero aiuto ai fortemente bisognosi. Siamo felici di constatare come la stragrande maggioranza dei supermercati interpellati ha risposto in maniera positiva. Infatti i nostri volontari hanno raccolto una importante quantità di beni alimentari; di ciò non possiamo che essere grati alla popolazione atripaldese per la solidarietà dimostrata. Si potrebbe pensare ad impegnare alcuni dei volontari nella promozione della “spesa solidale” per incentivare tutti ad aiutare gli altri con un piccolo gesto.

Altra azione importante è stata la consegna delle mascherine ad alcuni anziani che ne avevano fatto richiesta; la speranza è di poterne fornire altre nei prossimi giorni, ovviamente prediligendo chi ne ha un’occorrenza maggiore.

Abbiamo, inoltre, segnato in maniera netta il divieto di uscire di casa senza comprovate necessità. Questo con la delimitazione delle panchine, oggetto di alcune segnalazioni da parte della cittadinanza.

Altro compito per i volontari consiste nel sostegno all’organizzazione per l’attività di riscossione delle pensioni all’ufficio postale centrale, che, come noto, è stata scaglionata per evitare assembramenti.

Continuiamo insieme e con grande responsabilità  a vivere questi giorni senza mai lasciarci prendere dallo sconforto, ma iniziando a costruire con speranza e solidarietà il mondo che ci aspetta . Vi lasciamo con le parole di Papa Francesco, un uomo che ieri sembrava solo contro la tempesta ma che aveva il sostegno di tutti noi.

“Siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo trovati su una stessa barca fragili e disorientati, ma allo stesso tempo importanti e necessari, chiamati a remare insieme e a confortarci  a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti. E ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo. Ma solo insieme. Nessuno si salva da solo.”

Papa Francesco

Noemi, Antonio, Massimiliano, Aishling, Sabatino, Luca, Oscar, Federico, Gerardo, Cosma, Sabino, Guido, Paola, Francesco, Carmine, Antonio Pio, Andrea, Elvira, Francesco, Antonio e Angelo.